Osservatorio solidarietà contro multe ai poveri a Trento: firma la petizione

La questua non è reato e neppure una questione di decoro urbano: per questo Osservatorio Solidarietà ha promosso una petizione online – “Combattiamo la povertà, non le persone povere” – contro l’imminente decisione del consiglio comunale di Trento di vietare l’elemosina su tutto il territorio cittadino. In pochi giorni sono state raccolte oltre 700 firme ma ancora ne servono. La petizione chiede al sindaco, Alessandro Andreatta, Pd, di fermare la delibera “prima di oltrepassare il confine che separa l’umanità dalla disumanità e di riflettere sulla gravità di negare il diritto sacrosanto che ogni persona ha di chiedere aiuto quando si trova nel momento di bisogno”.

A Trento, a opporsi al pugno di ferro contro i poveri è Antonia Romano, consigliera comunale di Altra Trento a Sinistra/Potere al Popolo: lei è anche la prima firmataria  della petizione di OS, seguita da centinaia di altre persone tra cui Erri De Luca e Moni Ovadia.

Qui si può leggere l’appello integrale e sottoscrivere la petizione “Combattiamo la povertà, non le persone povere”.

Articoli sulla petizione di OS sono stati pubblicati da Il Dolomiti, Trento TodayPressenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *